Il “Filastroccario” di Pippo Scudero: un’opera letteraria e allegra dedicata ai ragazzi

  • testata: La voce dello Jonio
  • Data di pubblicazione: 01-02-2017

Il “Filastroccario” di Pippo Scudero: un’opera letteraria e allegra dedicata ai ragazzi

Parlare ai bambini, cercare di catturare la loro attenzione con un approccio facile, accattivante e stuzzicante è l’obiettivo fondamentale di ogni scrittore che scrive libri per l’infanzia. Sicuramente compito arduo, ma allo stesso tempo affascinante come solo il mondo dei piccoli, popolato da personaggi e luoghi fantastici, è in grado di dare.

La copertina del libro

Il dottore Pippo Scudero ha già al suo attivo molte pubblicazioni dedicate all’infanzia e l’ultima sua opera, appena pubblicata, sicuramente è già destinata a confermare i precedenti successi dello scrittore acese. “Gennaio, febbraio, marzo filastroccario per un anno straordinario” prendendo  spunto dal calendario e dai nomi che sono ricordati ogni giorno, alcuni di santi e martiri molto conosciuti e con un gran numero di fedeli, altri meno noti e alcuni del tutto sconosciuti, sono lo spunto per introdurre una filastrocca per ogni giorno dell’anno.
I nomi citati danno vita a tante piccole storie in cui il protagonista svolge un lavoro, e così conosciamo Ilario che fa il bibliotecario, Verdiana che è una modella visto che è tanto bella, Beniamino che è un bravo bagnino, Romano che è uno scrupoloso vigile urbano,Coletta che è campionessa di corsa provetta, e tanti altri per i giorni dell’anno da gennaio a marzo. Ovviamente la lettura delle filastrocche fa nascere spontanea la voglia di conoscere i nomi  citati nei restanti 9 mesi dell’anno, e così siamo impazienti di poter leggere presto il “filastroccario” di aprile, maggio e giugno, in attesa poi degli altri 6 mesi.
Certo Pippo Scudero conosce bene il mondo dei ragazzi, vista la sua lunga esperienza con l’Agesci (Associazione guide e scout cattolici italiani) di cui è stato responsabile regionale e nazionale.

ritratto di Pippo Scudero

Nel corso degli anni è maturata in lui la voglia di scrivere per l’infanzia, e da qui sono nati libri come “Soffia e và”, “Noa, la colomba di Noè”, “Prendiamoci per mano . . . più gioia ci sarà”, “ 999 piedi” e “Il matto con gli stivali”.
I libri per bambini devono avere  qualcosa in più per catturare la loro attenzione e curiosità, e quindi i testi ad essi dedicati hanno spesso delle meravigliose illustrazioni, a corredo del contenuto scritto. Nel suo filastroccario il dottore Scudero si è avvalso di una importante collaborazione, quella con Tiziana Longo, illustratrice e freelance catanese che collabora con importanti case editrici italiane e straniere.
Il filastroccario di “gennaio, febbraio e marzo” è stato presentato al pubblico il 21 dicembre 2016, ad Acireale, nei locali dell’opera dei pupi, in via Alessi; a questa faranno seguito prossimamente altre presentazioni, dedicate non solo ai più piccoli ma anche a tutti noi adulti che abbiamo ancora voglia di sognare, fantasticare e magari pensare che quel favoloso mondo incantato che ci ha fatto compagnia negli anni dell’infanzia non sia poi del tutto passato e troppo lontano per non essere “sbirciato” ancora!

G. P.