Splēn edizioni

«Mio caro amico, vi mando un’operetta di cui solo ingiustamente si potrebbe dire che non ha né capo né coda, poiché, al contrario, tutto in essa è, nello stesso tempo, e testa e coda, alternativamente e reciprocamente. Considerate, vi prego, quali mirabili comodità questa combinazione offre a noi tutti, a voi, a me e al lettore. Possiamo tagliare dove vogliamo: io la mia fantasticheria, voi il manoscritto, il lettore la sua lettura; infatti, la riluttante volontà di quest’ultimo non la sospendo all’interminabile filo di un intreccio superfluo. Staccate pure una vertebra, e i due pezzi di questa tortuosa fantasia si ricongiungeranno senza sforzo. Spezzatela in numerosi frammenti, e vedrete che ognuno di essi può esistere separatamente. Nella speranza che alcuni di questi tronconi resteranno vivi abbastanza da piacervi e divertirvi, oso dedicarvi l’intero serpente.»

Così Baudelaire introduce il suo Spleen di Parigi scrivendo all’amico e scrittore Arsène Houssaye. Così Splēn vuole mostrarsi ai suoi lettori. Armoniosa barocca coesa disarmante enigmatica fragrante gravida impetuosa libera multiforme nostalgica ossequiosa palindroma quantistica rocambolesca strabiliante tattile urticante viscerale zincografica.

 

Continua

Prossime uscite

Eventi

Blog

© 2016 Splēn edizioni Associazione culturale All Rights Reserved. C.F. 90056770879